SAVE THE CHILDREN: 200 MILIONI DI BAMBINI NON HANNO ACCESSO ALLE CURE DI BASE (4)

Grazie ai "volontari per la salute", ha aggiunto Neri, abbiamo salvato milioni di bambini che morivano a causa della malaria: la nostra esperienza in tutto il mondo ci dimostra che questo tipo di programmi funziona". Con interventi semplici e a basso costo, che prevengano le principali cause della mortalità infantile, si potrebbero salvare le vite di 6 milioni di bambini all’anno, pari a circa 3 volte la popolazione di una città come Milano. Riuscire a farlo solo in India e Nigeria, "significherebbe prevenire il 20% di tutte le morti infantili". L’allattamento materno, ad esempio, non serve solo per nutrire ma aiuta a rafforzare le difese immunitarie del bambino nei confronti delle comuni malattie infantili. Per evitare che molti bambini muoiano a causa della disidratazione provocata la diarrea basterebbe una semplice terapia per la reidratazione orale, così come gli antibiotici possono combattere la polmonite e l’utilizzo congiunto di zanzariere e insetticida contribuisce ad evitare il contagio da malaria. Nelle nazioni più sviluppate, i bambini che hanno maggiori difficoltà ad essere curati e verso i quali occorre prestare maggiore attenzione, appartengono a fasce svantaggiate della popolazione, come quelle a basso reddito, o a minoranze etniche.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy