TERZO SETTORE: NASCE "CANTIERE WELFARE", "SENZA INCLUSIONE NON C’È SICUREZZA"

"Senza inclusione non c’è sicurezza": è questo lo slogan che accompagnerà i lavori di "Cantiere Welfare" (www.cantierewelfare.org) avviato dal Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca) e dal Centro ambrosiano di solidarietà (Ceas) di Milano. Il primo vero atto costituente del "Cantiere" – aperto al contributo di tutti coloro che "considerano la questione sociale come la vera priorità che ha di fronte il Paese" – sarà il 19 giugno a Milano (Centro missionario Pime, via Mosè Bianchi 94, ore 10,00-13,30). Il Cantiere Welfare, spiegano i promotori, "ha come obiettivo quello di mettere in rete il percorso di chi, in questi anni, ha operato a diverso titolo nel mondo della solidarietà, per rilanciarne il ruolo e il protagonismo sulla scena pubblica". "È in scena un modo di pensare e fare politica che non ci appartiene e non corrisponde all’idea di bene comune che guida il nostro operare – si legge nella Lettera aperta al Terzo Settore promossa da Cantiere Welfare è già sottoscritta da oltre 90 associazioni, tra cui Acli, Cgm, Fict, Fish, Movi -. Non possiamo far sì che i principi della giustizia sociale, della legalità, della lotta alle povertà, della pace, della tutela dei beni ambientali non diventino prioritari, e promotori di scelte politiche e orientamenti concreti… Per questo vogliamo avviare una discussione ed esprimere autonomamente la nostra soggettività politica".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy