FICTION SU DON ZENO: SBARAGLIA (NOMADELFIA), "UNA GRANDE EMOZIONE"

"Una fiction sorprendente che narra con umanità e semplicità la storia di don Zeno". È il commento di Sefora Sbaraglia, "figlia" della Comunità di Nomadelfia e studentessa di scienze delle comunicazioni, dopo la prima puntata della fiction "Don Zeno, l’uomo di Nomadelfia" in onda ieri sera su Raiuno; la seconda puntata verrà trasmessa questa sera. "Don Zeno – afferma Sbaraglia – è stato un precursore in una società poco disposta ad accogliere le sue proposte a favore degli ultimi". Oggi, aggiunge Sbaraglia, "il messaggio di don Zeno torna a farsi sentire nelle case di milioni di italiani anche se la sua attualità non è mai passata di moda. Nel silenzio e tra tante difficoltà Nomadelfia ha tenuto vivo il carisma e le intuizioni di don Zeno. Intuizioni che precorrevano i tempi, che vedevano oltre le richieste materiali della società e che oggi più che mai devono essere riproposte". Ai "numerosi amici e figli di Nomadelfia", prosegue la studentessa, "guardare questa fiction suscita una grande emozione, cui è difficile dare un nome. Non si tratta di semplici immagini. È il racconto di un vissuto che mette i brividi. È la nostra storia dalle origini". Don Zeno Saltini (1900-1981) è il fondatore di "Nomadelfia" una comunità (340 persone – 50 famiglie) dove "tutti i beni sono in comune e le famiglie sono disponibili ad accogliere figli in affido". Info: www.nomadelfia.it, www.donzeno.it.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy