DIOCESI: ALTAMURA, INDETTO IL PRIMO SINODO PASTORALE. INDULGENZA PLENARIA FINO AL 30 MAGGIO

"Rilanciare la missione", "rinvigorire la gioia dell’annuncio", "uscire dal chiuso delle nostre strutture per spingerci al largo di ogni angolo del territorio". Sono questi i frutti che la diocesi di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti si attende dal Sinodo pastorale, indetto ieri sera dal vescovo Mario Paciello durante la celebrazione diocesana del Corpus Domini. È il primo Sinodo che la Chiesa pugliese celebra dopo l’unificazione – avvenuta nel 1986 – della diocesi di Gravina e delle Prelature di Altamura e di Acquaviva delle Fonti. Il Sinodo, che ha come tema "Cristo via, verità e vita", sarà suddiviso in tre tappe e si concluderà nel 2011 con la celebrazione del Congresso eucaristico diocesano. Si tratta, ha spiegato mons. Paciello, di un "grande evento di grazia" in cui "siamo invitati" a "scrollarci di dosso la stanchezza, la fede di facciata, il grigiore dell’esperienza cristiana e di impegnarci nella ricerca di nuove forme di annuncio, che siano all’altezza dei tempi e dei linguaggi attuali". Il Sinodo, ha aggiunto, "è unità, è camminare insieme: questo è compito e impegno di tutti". Per questo "nuovo cammino della diocesi" il Papa ha concesso l’indulgenza plenaria fino al 30 maggio.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy