GIORNALISTI: MORTO PAOLO GIUNTELLA

E’ morto oggi a Roma il giornalista del Tg1 Paolo Giuntella. Aveva 61 anni ed era da tempo malato. Impegnatosi fin da giovane nell’associazionismo cattolico e nello scautismo, nel 1966 fu tra gli “Angeli del Fango”, i volontari, fra i quali molti scout, che scavarono senza sosta per soccorrere Firenze e i suoi cittadini colpiti in seguito all’alluvione. Nel 1979 fonda Rosa Bianca, un’associazione cattolica orientata a sinistra il cui nome s’ispira a quello dell’associazione di giovani cattolici e protestanti oppositori del nazismo. I convegni e le attività dell’associazione per tutto il corso degli anni ’80 saranno animati da molti dei futuri dirigenti e intellettuali dell’Ulivo e del Partito Democratico. Laureatosi in Lettere moderne, ha collaborato con Il Popolo, Avvenire e diversi settimanali e mensili, ha diretto il mensile Appunti di cultura e politica. Già capo della terza pagina e dei supplementi culturali de Il Mattino, passato in Rai ha coordinato Tv7, per poi divenire caporedattore di Speciale Tg1, e in seguito corsivista televisivo e inviato speciale in Irlanda, Albania, nelle zone colpite dal terremoto in Umbria e Marche del 1997 e in Kosovo, dove è stato menzionato al merito dall’ambasciatore italiano per aver salvato la vita di un disabile rimasto in un’abitazione incendiata, che per motivi etnici non veniva soccorso dai vicini. Dal 1980 è stato sposato con Laura Rozza con la quale ha avuto tre figli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy