LEGGE 194: ASS. PAPA GIOVANNI XXIII, "NON MODIFICABILE, VA ABROGATA"

"Non riteniamo che la Legge 194 sia modificabile, in quanto voluta per dare licenza di uccidere, ma va abrogata"; tuttavia poiché "oggi non vi sono ancora i presupposti per farlo, riteniamo possibile trovare un ampio consenso per una proposta legislativa a favore della maternità e della vita". E’ la posizione espressa alla vigilia del 30° anniversario della Legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza (22 maggio 1978), dall’Associazione comunità Papa Giovanni XXIII. "Riteniamo la Legge 194 profondamente ingiusta nel suo prevedere la soppressione del più debole e innocente fra gli esseri umani, il bambino appena concepito", afferma l’associazione in una nota diffusa questa mattina a Roma, in occasione della conferenza stampa promossa sulla 194 dal Movimento per la vita e dal Forum delle associazioni familiari. Richiamando "le intenzioni del ministero del Welfare di emettere nuove linee guida per la 194", L’Associazione Papa Giovanni XXIII, che 11 anni fa ha istituito un servizio per le maternità difficili e la tutela della vita nascente, presenterà questo pomeriggio una propria "Proposta di linee guida". Per ricordare i 5 milioni di bambini abortiti nei 30 anni di 194, il 24 maggio si terrà nel cimitero di Rimini un momento di preghiera sulla tomba di don Oreste Benzi, cui seguirà la deposizione di una corona di fiori nel "Campo degli angeli".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy