PAPA A GENOVA: CASELLI, "COSTRUIRE INSIEME IL BENE COMUNE DELLA CITTÀ"

"Dall’incontro con il Papa è venuto l’invito a costruire il futuro senza faziosità e particolarismi": lo ha affermato al Sir Lorenzo Caselli, docente di Economia all’Università di Genova. "E in una città "anziana come lo è Genova – ha aggiunto Caselli – la sfida del futuro è di particolare importanza". Infatti, ha spiegato il docente, "c’è bisogno che le forze economiche, politiche e sociali costruiscano un patto per la città e si accordino, in vista di un bene comune, tralasciando ogni particolarismo" per essere "stimolo per il futuro stesso di Genova". Per Caselli, "costruire il futuro passa attraverso i giovani" ed in questo senso "l’incontro dei giovani in Piazza Matteotti è stato di fondamentale importanza". Sottolineato anche l’invito del Papa a "guardare in sé stessi" perché "guardare in noi stessi è la condizione essenziale per creare una fede pensata e adulta" e, nello stesso tempo, "bisogna prima di tutto essere sé stessi se si vuole entrare in dialogo con gli altri". "L’identità di sé – ha aggiunto Caselli – è fondamentale per il dialogo, perché solo chi ha coscienza di sé può mettersi in comunicazione con gli altri".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy