DIALOGO INTERRELIGIOSO: UNIVERSITÀ ROMA TRE, UN CONVEGNO IN RICORDO DI MONS. NARO

Oggi occorre "abitare il dialogo, ossia viverlo come atteggiamento culturale di apertura", e "i luoghi dell’incontro sono le persone, nelle loro diverse modalità di esprimersi". Carmelina Chiara Canta, sociologa dei processi culturali e comunicativi e direttrice del Laboratorio sul pluralismo culturale dell’Università Roma Tre, spiega in questi termini al SIR il tema del convegno in programma presso l’Ateneo il 15 maggio (ore 15), "Abitare il dialogo: i luoghi di un incontro possibile", a conclusione del ciclo di seminari "Dialoghi culturali nel Mediterraneo". Per questo, prosegue Canta, "abbiamo invitato relatori appartenenti a mondi diversi: la teologa musulmana Sharhzad Housmand, la scrittrice ebrea Lia Tagliacozzo, il valdese Paolo Naso, il teologo cattolico Massimo Naro". Quest’ultimo è il fratello di mons. Cataldo, l’arcivescovo di Monreale scomparso nel 2006, al quale sono dedicati il convegno e il volume "Abitare il dialogo. Società e culture dell’amicizia nel Mediterraneo" che, curato dalla stessa Canta e da Marinella Pepe (ed. Franco Angeli), verrà presentato nel corso dell’incontro.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy