DIOCESI: MAZARA DEL VALLO, UNA PARROCCHIA SU UN TERRITORIO CONFISCATO ALLA MAFIA

"Un percorso di riscatto, un cammino verso la legalità che la Chiesa e la società civile compiono insieme, in sinergia, per dire basta alla sopraffazione della mafia e della criminalità". Così mons. Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, commenta la posa della prima pietra, questa mattina, per la realizzazione di un nuovo commissariato di Polizia che sorgerà in un’area di 50 mila metri quadrati, confiscata alla mafia. Nel progetto di riutilizzo anche edifici – alcuni già realizzati – destinati alla Polizia stradale, alla Guardia di finanza e a servizi sociali del Comune. "Nella stessa area – dice mons. Mogavero – sorgerà anche una parrocchia intitolata a San Paolo, perché è proprio con il suo esempio che vogliamo offrire una nuova strada di Damasco per la conversione. Se la Chiesa è chiamata in tale direzione in un cammino che porta all’evangelizzazione, le forze di polizia e la comunità civile lo percorrono seguendo le indicazioni verso la legalità secondo modelli di correttezza e pacifica e ordinata convivenza capaci di dare un volto nuovo alla nostra terra. Del resto anche la Chiesa è felice di partecipare a quel processo di liberazione dalla illegalità che la confisca dei beni mafiosi e il loro riutilizzo per fini sociali propone".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy