PROGETTO POLICORO: AUMENTANO "ANIMATORI DI COMUNITÀ" (112) E DIOCESI COINVOLTE

Saranno 112, appartenenti a 81 diocesi del Sud Italia, i giovani "animatori di comunità" che opereranno quest’anno nell’ambito del "Progetto Policoro", l’iniziativa della Chiesa italiana che dal 1995 propone risposte concrete al problema della disoccupazione giovanile nel Meridione. Una cifra "ogni anno in aumento – spiega al Sir Flora Urso, referente nazionale del "Progetto Policoro", promosso dall’ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro, dal Servizio nazionale per la pastorale giovanile e dalla Caritas italiana -, a testimoniare la maggiore diffusione nel territorio di una nuova cultura del lavoro e della dignità umana". Gli animatori di comunità – oggi a Roma si riunisce il gruppo di lavoro dei formatori – sono i principali soggetti di riferimento ed hanno il compito, tra l’altro, di informare i coetanei per favorire l’accesso al mondo del lavoro, anche per la realizzazione di nuove idee imprenditoriali. Gli animatori vengono formati con un percorso triennale (quest’anno il secondo modulo formativo si svolgerà ad Olbia dal 3 al 6 maggio) e operano attraverso i "centri servizi" presenti nelle rispettive diocesi. Ogni anno ciascun animatore incontra in media un migliaio di giovani. Dagli inizi ad oggi sono stati occupati più di 1000 giovani in lavori fissi e saltuari e realizzate più di 500 imprese tra cooperative, consorzi, società e ditte individuali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy