IRAQ: AL MALIKI AL PE, "FIDUCIA NELLA SCONFITTA DI AL QAEDA"

“Non posso affermare che l’Iraq sia un paese stabile, ma rispetto ad un anno e mezzo fa, abbiamo visto significativi progressi”. Lo ha detto il primo Ministro iracheno, Nouri Al-Maliki, nel corso di una riunione congiunta, a Bruxelles, della Commissione affari esteri del Parlamento europeo e della delegazione del Pe per le relazioni con l’Iraq, prima tappa della sua visita alle istituzioni europee e alla Nato. Maliki ha toccato vari punti, in particolare si è soffermato sul voto provinciale in ottobre, "le milizie – ha detto – non interferiranno. Il rifiuto della loro presenza è stato accettato da tutti i partiti. Anche le persone sfollate saranno messe in condizione di esprimere il proprio voto, che sarà libero e equo, e si stanno approntando le misure tecniche necessarie". Circa il ritiro delle truppe della coalizione dall’Iraq il premier si è detto convinto che "un improvviso ritiro dal Paese porterebbe ad una confusione al suo interno" pertanto questo "andrebbe preparato e concordato per tempo". "L’Iraq – ha poi ribadito – non è un campo dove si sviluppano interessi regionali. Ho chiesto ai Paesi confinanti di smetterla di essere un luogo di formazione di terroristi", Su Al Qaeda, infine Al Maliki è stato secco: "non siamo mai stati così fiduciosi sulla possibilità di sconfiggerla. Vogliamo battere il terrorismo".” “” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy