DIOCESI: VENEZIA, CARD. SCOLA, "SOGGETTIVITÀ PUBBLICA RELIGIONI" PER "AUTENTICA LAICITÀ"” “

"Oggi le religioni sono chiamate a ripensare la loro soggettività pubblica per non cedere al fondamentalismo ma, al contrario, per potenziare" una "vita democratica autenticamente laica". Lo ha detto questa mattina il patriarca di Venezia, card. Angelo Scola, intervenendo all’inaugurazione del nuovo anno dello Studium generale marcianum, il polo pedagogico-accademico diocesano di cui il patriarca è Gran cancelliere. "Nella società civile in Europa" e "nel nostro Paese" ha osservato il card. Scola, "convivono molteplici concezioni di vita"; occorre pertanto "il concorso delle diverse posizioni per l’affermarsi di una vita buona", indispensabile "per la convivenza civile". In questo orizzonte, avverte il patriarca, "solo la tensione ad un giudizio comune può fare di persone e corpi intermedi così diversi un unico popolo, capace di progettare un futuro verso il quale muoversi insieme. Al contrario un tasso di conflittualità ogni giorno più elevato favorisce la tentazione di una reattività immediata e mai sufficientemente meditata. E con il risultato di rendere il quadro complessivo ancora più confuso e conflittuale". Di qui l’urgenza "di luoghi di pensiero, elaborazione culturale, educazione in cui poter recuperare uno sguardo più distaccato e insieme sim-patetico sulla realtà, a partire dal quale operare un confronto con tutti".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy