MYANMAR: ARCIVESCOVO BO (YANGON), "NON DIMENTICATECI". UN INVITO AL PAPA

"Non dimenticate la popolazione del Myanmar”: un appello semplice ma significativo quello di mons. Charles Bo, arcivescovo di Yangon, di passaggio a Roma nella sede di Caritas internationalis per fare il punto sulla ricostruzione dopo il passaggio del ciclone Nargis, nel maggio scorso, che ha provocato circa 115-200.000 morti e 2 milioni di sfollati. In una intervista al Sir (old.agensir.it) l’arcivescovo di Yangon confida che, nei mesi scorsi, ha avuto un colloquio privato in Vaticano con Benedetto XVI, durante il quale lo ha invitato a visitare il Myanmar. Le diocesi più colpite da Nargis, nella zona del delta del fiume Irrawaddy, sono state proprio quelle di Yangon e Pathein. "Non eravamo preparati al ciclone, le persone non sono state informate – racconta -. Per noi è stata una grossa sfida. Per un certo periodo, per ragioni politiche, il governo non ha permesso l’ingresso degli aiuti umanitari stranieri nel Paese, per cui l’emergenza inizialmente è stata dura. Ma dopo due o tre settimane la situazione è migliorata grazie all’arrivo delle Ong, che si sono registrate presso il governo e hanno potuto così portare gli aiuti. Ora governo e Ong collaborano per la ricostruzione delle case, il cibo, la vita di tutti giorni. La situazione sta migliorando e anche il governo è pronto a ricevere aiuti sotto forma di merci”. (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy