DIOCESI: MILANO, IL DISCORSO ALLA CITTÀ DEL CARD. TETTAMANZI (3)

La politica, a giudizio del card. Tettamanzi, "merita attenzione e fiducia. Ma richiede partecipazione". È dunque "compito dei cittadini non abbandonare il campo, riaprire una linea di credito alla politica, tornare al dialogo, intenso e appassionato". Il discorso di Tettamanzi si è concluso, infine, con un accenno al grande evento che ospiterà il capoluogo lombardo: l’Expo 2015 che "rappresenta una vera e propria occasione di dialogo per la città al suo interno". "Vorrei tanto – ha auspicato – che non rischiassimo di sciupare questa opportunità con discussioni su questioni solo economiche", ma piuttosto sia "occasione per riflettere sulla città, sul senso dell’abitare, sulla famiglia e sulle opportunità che possiamo offrirle, sull’idea di scuola, di arte, di architettura". E ancora può essere opportunità "per incontrare quanti abitano la città, conoscerli e conoscersi, capirsi e apprezzarsi nella diversità di cultura, fede, etnia, usi e lavoro". L’Expo, ha concluso il card. Tettamanzi, coinvolga tutti i volti della città: "La cultura e l’arte, la ricerca scientifica e tecnologica, l’imprenditoria e il mondo del lavoro, la medicina e i servizi alla salute, l’associazionismo e il volontariato, la scuola e le realtà educative, la Chiesa. Sì, anche la Chiesa ambrosiana. E con essa tutte le Chiese e le religioni presenti a Milano". ” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy