TAIZÉ: CARD. DANNEELS, PER RISPONDERE ALLA "VOCAZIONE EUROPEA DI BRUXELLES"

"Bruxelles ha una vocazione europea. Si viene qui da tutta Europa per manifestazioni, riunioni, per il Parlamento, per la Commissione Europea. Manca però tutto un settore della nostra società che non è ancora venuto: sono i giovani". Così ieri a Bruxelles il card. Godfried Danneels, arcivescovo di Bruxelles-Malines, ha spiegato ai giornalisti in una conferenza stampa le ragioni che lo hanno spinto ad invitare quest’anno dal 29 dicembre al 2 gennaio la comunità di Taizè nella sua città per l’annuale incontro europeo dei giovani. "Se siamo fieri, e lo siamo – ha aggiunto l’arcivescovo – di essere la capitale dell’Europa, occorre allora anche saper rispondere a questa vocazione, ed essere punto di incontro per giovani di tutta Europa". All’incontro sono attesi 40 mila giovani, 30 mila dei quali provengono da altre nazioni. L’appello lanciato il 20 novembre scorso per trovare ai diversi gruppi un alloggio ha scatenato a Bruxelles "un vero e proprio slancio di generosità" da parte di tante famiglie. Alla conferenza stampa hanno parlato anche rappresentanti delle altre Chiese cristiane. Il presidente della Chiesa protestante unita del Belgio (Epub) ha detto che l’incontro europeo di Taizè ha "ridato nuovo slancio alla collaborazione tra le Chiese" ed ha citato l’esempio di Malines dove le Chiese cattoliche e protestanti lavorano insieme per accogliere i giovani". ” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy