SPAGNA: L’ARCIVESCOVADO DI MADRID SULL’IMPRENDITORE UCCISO OGGI, "CRIMINE CRUDELE"

"Ancora una volta il terrorismo ha lasciato il suo segno sulla società spagnola, con l’assassinio, per mano dell’Eta, dell’imprenditore Ignacio Uría Mendizábal", ucciso oggi a Azpeitìa nei Paesi Baschi. Lo scrive in una nota l’arcivescovado di Madrid, sottolineando che si è trattato di "un crimine crudele che ha messo fine alla vita di un essere umano, immagine e somiglianza del Creatore, il cui assassinio costituisce un grave peccato". Il cardinale di Madrid e i suoi ausiliari condannano "questa azione contro la vita e la libertà, al tempo stesso ricordano che il terrorismo è un ‘no’ radicale alla legge di Dio" e soprattutto al diritto fondamentale "della dignità della persona umana". Per i presuli "il terrorismo nasconde un’enorme crisi di coscienza morale". Perciò, esortano i fedeli a pregare "affinché cessi la violenza", chiedendo "un cambiamento nel cuore dell’uomo" e "una vera conversione dei terroristi". Anche "affinché le autorità lavorino con tutti i mezzi dello Stato di diritto per la giustizia e la pace vere, e cresca un sentimento di rispetto assoluto della dignità della persona umana in tutti gli ambiti della società, in modo che si vinca il male con il bene". Infine, un’invocazione alla Madonna affinché "commuova la coscienza ed il cuore dei terroristi, ossessionati dall’odio e dalla negazione di Dio e dell’uomo, e li converta".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy