NATALE: MIGRANTES, "PERDURA LA STRAGE DEGLI INNOCENTI" (2)

"Eppure questi possono considerarsi casi particolari – prosegue la nota – benché non eccezionali, a confronto di quella triste sequenza di cifre e percentuali non ipotizzate a tavolino, ma elaborate dai più accreditati organismi internazionali", relative ai milioni di bambini sradicati dalla loro terra e spesso dalla loro stessa famiglia. E poi ancora i bambini che viaggiano nelle carrette del mare che approdano sulle nostre coste, "quando non si inabissano nel mare; altri bambini, magari con qualche anno in più, che si avventurano anche da soli nell’attraversare il mare o la frontiera; sono minoranza quelli che usufruiscono di una qualche assistenza quali ‘minori non accompagnati’, tanti altri tentano un futuro ignoto, se un futuro ci sarà". Per loro – conclude l’agenzia della Migrantes –" non incombe minacciosa la spada di Erode, ma c’è verso di loro ancora tanta incuranza e insensibilità, talora anche tanta ferocia. Renderci consapevoli di questo e creare sensibilità attorno a noi è già qualcosa, rimboccare le maniche e mobilitarci per qualche caso che conosciamo è molto di più; è certamente un grande omaggio al Bambino di Betlemme".” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy