IRAQ: TWAL (PATRIARCA GERUSALEMME), "NON RESTARE IN SILENZIO DAVANTI ALLA TRAGEDIA IRACHENA"

"Una tragedia davanti alla quale non si può restare in silenzio". Nel suo messaggio di Natale, diffuso oggi a Gerusalemme, il patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, ha parlato anche dell’Iraq definendo la situazione nel Paese, "una tragedia davanti alla quale non possiamo rimanere in silenzio" che investe l’Iraq come popolo, civiltà, patrimonio e storia, in seguito all’occupazione e alla distruzione delle sue strutture di stato, diventando purtroppo teatro del terrorismo e della violenza". "Ci colpisce, in particolare, la distruzione di chiese e moschee, i rapimenti e l’uccisione di sacerdoti e vescovi, le devastazioni e il saccheggio delle case, nonché le minacce e le espulsioni dei cristiani. E’ nostro profondo auspicio – conclude Twal – che la popolazione dell’Iraq resti nella sua patria. Vogliamo pregare per l’unità di questa nazione e per il ritorno alla vita normale in tutte le sue parti".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy