UE: EUROPARLAMENTO APPROVA IL BILANCIO 2009. FONDI PER COMPETITIVITÀ E SICUREZZA

È di poco superiore all’1% del prodotto interno lordo comunitario il budget 2009 dell’Unione europea. Il voto finale giunge dall’Europarlamento, che condivide il potere di bilancio con il Consiglio degli Stati membri. L’aula ha dato il via libera al lavoro svolto dalla commissione parlamentare e alle relazioni dei deputati Jutta Haug (Germania) e Janusz Lewandowski (Polonia). Il totale degli impegni si colloca a 131 miliardi di euro, che saranno ripartiti fra numerose voci e azioni politiche: la principale è rappresentata da crescita, competitività e coesione fra le regioni; la seconda è relativa alla politica agricola comune e alla tutela delle risorse naturali; quindi, di molto distanziati, i capitoli libertà e sicurezza, cittadinanza, politiche esterne e spese amministrative. Nel corso delle trattative tra le autorità di bilancio, sono state accordate maggiori risorse alla ricerca, al sistema Frontex (frontiere sicure), al fondo per i rifugiati. Durante il dibattito, i deputati hanno sottolineato ancora la necessità di accelerare il funzionamento dei fondi strutturali e del fondo di coesione. L’aula ha invece ritenuto complessivamente modesti i fondi per il settore "Unione europea come attore mondiale" (fra cui gli aiuti a Palestina, Kosovo, Georgia).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy