GIORDANIA: IL NATALE DEI RIFUGIATI IRACHENI, MOUSSALLI (VIC. CALDEO), "ASPETTANO IL PAPA"

Celebrazioni natalizie anche per i rifugiati cristiani iracheni in Giordania. A prepararle è il vescovado caldeo di Giordania con il suo vicario padre Raymond Moussalli: "stiamo organizzando le messe di mezzanotte e di Natale ad Amman, per accogliere quanti più fedeli possibili – dice al Sir il vicario – il rito sarà quello caldeo. Ma ci sono anche altre chiese che celebreranno secondo le proprie usanze". "Non sappiamo quanti parteciperanno alle funzioni anche perché molti, almeno 2000, sono già partiti o in partenza, soprattutto negli Usa, dove hanno avuto il visto di ingresso. Attualmente i cristiani iracheni in tutta la Giordania arrivano a 12 mila persone". Per alleviare le sofferenze di questi cristiani fuggiti "alla persecuzione e all’orrore della violenza", aggiunge, "stiamo raccogliendo aiuti materiali che sotto forma di dono natalizio stiamo consegnando alle famiglie in questi giorni. Per i bambini arriverà Babbo Natale che consegnerà giocattoli e dolci. Il Natale è la loro festa, rallegrarli significa dare sollievo anche alle loro famiglie". "Ma il sollievo maggiore per questi fratelli iracheni – sottolinea Moussalli – è sapere che Benedetto XVI verrà in Terra Santa nel 2009. Questa visita, che potrebbe toccare anche la Giordania, è il dono di Natale più bello. Speriamo che Benedetto XVI possa incontrare dei bambini iracheni e qualche famiglia di rifugiati". ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy