FIAT DI LECCE: DON MACCULI (DIOCESI), "VICINI AI LAVORATORI" IN CASSA INTEGRAZIONE

La Chiesa di Lecce è vicina ai lavoratori della "New Holland" (Gruppo Fiat). È quanto assicura don Nicola Macculi, direttore dell’Ufficio di pastorale sociale e del lavoro dell’arcidiocesi pugliese, esprimendo "preoccupazione" per quanti (390 su 430), in questi giorni, "andranno in cassa integrazione per circa tre mesi". Questo, dice Macculi, "segna in particolar modo le famiglie che, con un reddito inferiore, devono far fronte a tutte le spese ordinarie della vita familiare, oltre a quelle di mutui o altro". Il provvedimento della Cassa integrazione, spiega il direttore dell’Ufficio in una nota pubblicata sul settimanale diocesano ("L’Ora del Salento"), trova origine nella "crisi internazionale", nelle "bolle economiche e finanziarie" che "hanno gettato su tutto il comparto meccanico uno stop inatteso, specialmente dopo la celebrazione, nello scorso aprile, delle 100.000 macchine prodotte dallo stabilimento a Nord di Lecce; e i numerosi attestati internazionali ricevuti". Questa crisi, aggiunge Macculi, "preoccupa molto la nostra Regione". Infatti, "se si aggiunge tutto l’indotto che la New Holland muove si capisce che le proporzioni dei numeri si fa ancora più alto". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy