DIRITTI UMANI: FOND. LELIO BASSO RIFLETTE SU "NUOVE VIOLAZIONI E NUOVE TUTELE"

Nuove violazioni dei diritti umani e nuove forme di tutela. Se ne parlerà a Roma il 15 e 16 dicembre, nel convegno "A sessant’anni dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. A trent’anni dalla scomparsa di Basso", in occasione dell’anniversario della scomparsa di Lelio Basso, giurista e membro della Costituente. L’evento è organizzato dalla Fondazione Basso – sezione internazionale. Il dibattito, spiega una nota, "affronterà i nodi centrali del pensiero e dell’azione di Lelio Basso, come la tutela dei diritti umani e del diritto dei popoli, confrontandoli con gli avvenimenti internazionali degli ultimi anni a partire dalle violazioni dei diritti umani nelle prigioni di Guantanamo e Abu Ghraib, passando per i casi di extraordinary rendition avvenuti in Europa, fino ad arrivare alle problematiche odierne legate al rapporto tra diritti umani, tutela ambientale e crisi economica". L’incontro si terrà nella Sala Conferenze di Palazzo Marini (via del Pozzetto 158). Interverranno, tra gli altri: Leandro Despouy, relatore speciale dell’Onu sull’indipendenza dei giudici e avvocati; Reed Brody, portavoce di Human Rights Watch; Mauro Palma, Presidente del Comitato europeo per la prevenzione della tortura; Francesca Restifo, Organizzazione Mondiale contro la Tortura–Ginevra, Flavia Lattanzi, giudice del Tribunale penale internazionale per i crimini nella ex-Jugoslavia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy