DIGNITAS PERSONAE: PADRE LOMBARDI (SANTA SEDE), "NON È UNA RACCOLTA DI DIVIETI" (2)

Padre Lombardi spiega che i principi sono "il rispetto dell’essere umano fin dal suo concepimento e il rispetto della trasmissione della vita tramite l’unione fra i coniugi": principi – puntualizza – che "possono essere compresi da tutti, ma sono confortati dalla visione cristiana dell’uomo. La Chiesa ritiene di dover essere coraggiosa e decisa nell’affermarli". "La continuità dello sviluppo dell’essere umano fin dal concepimento – aggiunge il portavoce vaticano – non permette incertezze nella difesa dell’embrione e della sua dignità". Ogni essere umano, inoltre, "ha diritto a nascere dall’unione di due genitori e di non essere prodotto su ordinazione in laboratorio dall’abilità tecnica di un medico. E’ una posizione in favore di esseri umani piccoli e deboli, che non hanno voce e che oggi – in verità – non trovano molti che parlino in loro favore". "E’ una posizione – ha aggiunto ancora – che è richiesta dall’attuale sviluppo della biologia e della medicina applicata ai problemi dell’inizio della vita umana, ed è lungimirante", in quanto "dà un contributo non solo lecito, ma doveroso, per orientare in senso positivo l’impegno della ricerca e della medicina". I "grandi risultati che si stanno ottenendo dall’impiego delle cellule staminali adulte, cordialmente incoraggiato dall’etica cattolica, ne sono un esempio molto illuminante", ha concluso padre Lombardi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy