CAMILLIANI: GIOVEDÌ A ROMA CONVEGNO SU "VULNERABILITÀ E BISOGNO DI CURE"

"La ricerca della perfezione diventa ideologica senza il riconoscimento della vulnerabilità e della dipendenza, diventa tirannia quando è strutturata solo sul desiderio e non sull’intelligenza del reale": lo dice Palma Sgreccia, docente al "Camillianum – Istituto internazionale di teologia pastorale sanitaria", che ha promosso per giovedì 20 novembre il convegno "Vulnerabili, bisognosi e capaci di cura: l’antropologia teologica di San Camillo", presso la sede in Roma, largo Respighi 6 (ore 9-16). L’apertura dei lavori sarà svolta dal preside p. Luciano Sandrin, cui seguiranno le relazioni di Palma Sgreccia, p. Pierangelo Sequeri e p. José Michel Favi. "Il convegno – spiega Palma Sgreccia – si pone in una linea di continuazione rispetto al precedente convegno sul rapporto salute/salvezza: la salute è un equilibrio relativo che rimanda, anticipa e partecipa la pienezza della salvezza, la cura definitiva della vulnerabilità". Secondo la relatrice, "l’antidoto alla tirannia della presunta perfezione e normalità è il rispetto: rispetto della realtà (oggettiva vulnerabilità), rispetto degli altri (interdipendenza), rispetto dei vari strumenti denotativi (diversi tipi di linguaggio)".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy