FUNERALI DI FEDERICA: MONS. CORTESE, VIVE "ATTRAVERSO IL SUO SGUARDO"

"Ricordiamo Federica per la sua gioia, per il suo amore, per il suo impegno per la vita": e’ quanto ha detto ieri pomeriggio mons. Domenico Tarcisio Cortese, vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, celebrando i funerali, nella Chiesa di Maria Santissima del Rosario a Vibo Marina, di Federica Monteleone, la giovane sedicenne morta dopo alcuni giorni di coma in seguito ad un blackout durante un intervento di appendicite. Federica – ha detto il presule – "non è morta ma continua a vivere per chi crede in Dio ma anche attraverso il suo sguardo. Anche se non tutto è possibile i suoi occhi sono stati donati e questo è un senso profondo di amore di una ragazza di 16 anni educata dalla famiglia all’amore e alla vita". Mons. Cortese ha invitato, quindi, tutti alla responsabilità e all’impegno sottolineando il ruolo dei medici e degli ospedali che sono chiamati "a lavorare per la vita". "Che senso ha – si è chiesto – una scienza senza amore?" Ai funerali hanno partecipato circa cinquemila persone che al termine hanno voluto salutare Federica tra applausi, lacrime e palloncini lanciati verso il cielo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy