DIOCESI: BOLOGNA; FABBRI (CARITAS), DISOCCUPATI A 45-50 ANNI, "LA STRADA RAPPRESENTA UN PERICOLO ENORME"

"Sono in continuo aumento le persone che si presentano al centro d’ascolto per italiani, soprattutto uomini e donne che provengono da altre zone d’Italia". Lo ha affermato questa mattina a Bologna Maura Fabbri, responsabile del centro d’ascolto per italiani della Caritas diocesana, presentano l’attività svolta nel 2006. 3.384 i colloqui fatti nell’anno dagli operatori. "Tra gli italiani – ha spiegato –, due sono le criticità che emergono maggiormente. Da una parte l’aumento di patologie psichiatriche, che vanno dall’instabilità psicologica fino alla vera e propria malattia; dall’altra il dramma della perdita del lavoro". Su questo versante, infatti, "sono sempre di più coloro che provengono da lavori con retribuzioni medio-basse e, a 45-50 anni, si trovano improvvisamente disoccupati". Sbalzati all’improvviso da una situazione di parziale sicurezza al dramma, "per loro la strada rappresenta un pericolo enorme: mancano di quelle ‘competenze’ indispensabili per districarsi nella vita di strada e sopravvivere". In crescita anche gli stranieri che si rivolgono alla Caritas, provenienti per lo più da Romania, Eritrea, Ucraina, Marocco e Serbia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy