GIORNATA MEMORIA: LOPARCO (STORICI RELIGIOSI), "APPROFONDIRE LE CONOSCENZE"

” “"Di fronte alla frequente riproposizione delle tesi, assolutamente infondate, che negano lo sterminio degli ebrei la Giornata della Memoria assume una particolare rilevanza. E’ anche vero che debba esserci un’evoluzione ed una rielaborazione della memoria da parte della società civile e degli stessi ebrei". Secondo suor Grazia Loparco, vice presidente del Csr, Coordinamento degli storici religiosi, e docente di storia della Chiesa nella Pontificia facoltà "Auxilium", "esiste sulla materia un approccio diverso. Si stanno approfondendo le conoscenze. Sono molti – dice – coloro, anche nella Chiesa, che stanno raccogliendo testimonianze e storie concrete che ci aiutano, qualche volta, a comprendere anche le sfumature della memoria. Da una memoria generale si sta passando ad una particolare, fatta di storie e di fatti. Lo sterminio non è stato vissuto dagli ebrei come retorica. Quello che dobbiamo evitare in ricorrenze come la Giornata di sabato – conclude la storica – è di restare nella retorica. Suonerebbe come un’offesa. Ripartiamo dalla memoria generalizzata dello sterminio per cogliere i particolari prima che non ci siano più testimoni".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy