GIOVANI E FEDE: CONVEGNO CEI; GIOVANI "SENZA SOGNI", NON RASSEGNARSI ALLA "MEDIOCRITÀ"

” “Il "pianeta giovani", in particolare quello degli adolescenti, è "più sazio che inquieto, apparentemente tranquillo ma senza sogni, senza futuro se non come riproduzione di quello che nel presente gli appare soddisfacente". A tracciare l’identikit è stato mons. Cesare Bissoli, docente emerito di Bibbia e catechesi presso l’Università Pontificia Salesiana, intervenuto al Convegno nazionale dei direttori degli Uffici diocesani di pastorale della scuola, che si è aperto questo pomeriggio a Chianciano Terme (fino al 20 gennaio), sul tema: “La testimonianza della fede e l’educazione delle giovani generazioni”. ” “"Gli adolescenti – è la provocazione del relatore – sono sul mercato di chi li piglia per primo. E questo primo acquirente non sono automaticamente la famiglia, né la Chiesa, né la scuola, che appaiono loro agenzie del passato, blocco inevitabile del presente, non luoghi del futuro". Di qui la necessità, per gli educatori cristiani, di non rassegnarsi alla "mediocrità", testimoniando la fede ai giovani a partire da "un’antropologia della riconciliazione, quindi dell’amicizia, della pazienza e dell’incoraggiamento, dell’apertura verso gli altri, della speranza e del futuro". ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy