EUROPA: BARROSO (COMMISSIONE), "CINQUE PUNTI PER LA DICHIARAZIONE DI BERLINO"

” “"La Dichiarazione sul futuro dell’Europa, che verrà sottoscritta da Consiglio, Parlamento e Commissione a Berlino il 25 marzo, sarà una grande opportunità per l’Unione. Dovranno essere ribaditi i valori e gli obiettivi dei 27, che poi insieme ci impegneremo a rispettare". José Manuel Barroso, intervenendo oggi all’Europarlamento, ha reso noto il suo parere sul summit per celebrare i 50 anni di integrazione. "Dovrà essere una dichiarazione politica, perché l’Ue non è più, come la Cee, una comunità economica, bensì una comunità politica". Dunque, secondo il capo dell’Esecutivo, "dovremo scrivere in quel testo quale Europa vogliamo costruire". Per affrontare le sfide "poste oggi all’Ue dalla globalizzazione", in "una realtà ben diversa da quella del 1957 quando furono firmati i Trattati istitutivi", Barroso segnala cinque punti fermi per il documento di Berlino. "Anzitutto la solidarietà, da intendersi come reciproco sostegno, come coesione sociale oltre che economica. Quindi la sostenibilità", perché "l’urgenza ambientale e i cambiamenti climatici" non possono "più essere sottovalutati". "In terzo luogo la responsabilità delle istituzioni verso i cittadini e la trasparenza, in modo da realizzare una vera democrazia". Al quarto punto Barroso indica "la sicurezza dei cittadini, mantenendo ferme le libertà fondamentali". Infine la "dimensione esterna, perché i valori e gli interessi europei siano tutelati nel mondo intero". ” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy