FORMAZIONE PROFESSIONALE: MARINCIONI (MINISTERO LAVORO), "NELLE REGIONI DOVE È FORTE CALA LA DISPERSIONE SCOLASTICA"

"La formazione professionale non va intesa come addestramento ma come formazione globale fondata su una riflessione che parte dalla prassi": lo ha detto questa mattina a Roma il vescovo di Como e presidente della Commissione episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’università, mons. Diego Coletti, al seminario CEI sulla formazione professionale. Secondo il ministro della Pubblica istruzione Giuseppe Fioroni, "con la Finanziaria si sono fissati criteri rigidi e certi di qualità perché la formazione professionale possa dare il suo contributo all’innalzamento dell’obbligo". "Abbiamo la dispersione scolastica peggiore d’Europa – ha aggiunto – e occorre ampliare e qualificare l’offerta formativa per irrogare competenze reali ai giovani". La direttrice generale del ministero del Lavoro, Vara Marincioni, che ha rappresentato il ministro Cesare Damiano, ha detto che "la formazione professionale ha dato finora risultati incoraggianti. Prova ne è che il tasso di abbandono scolastico è molto più basso nelle regioni dove è forte la formazione professionale". Ha quindi auspicato la rapida conclusione degli elenchi di agenzie formative accreditate "che contribuiranno con le scuole all’assolvimento dell’obbligo".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy