BENEDETTO XVI: AGLI AMMINISTRATORI DI LAZIO E ROMA, "QUI IL CRISTIANESIMO HA MESSO RADICI PROFONDE"

"Rinsaldare e consolidare quei vincoli profondi, antichi e tenaci, che uniscono il Successore di Pietro a questa città, unica al mondo, alla sua provincia e a tutta la regione del Lazio": è l’auspicio espresso oggi da Benedetto XVI, all’inizio del suo indirizzo di saluto alle autorità regionali, provinciali e cittadine del Lazio e di Roma, ricevute in udienza per lo scambio di auguri di inizio anno. "Roma, con la sua storia millenaria e il suo significato universale, e insieme a Roma l’intero Lazio, le sue città, i suoi borghi, le sue contrade, – ha proseguito il Pontefice – sono una terra nella quale con speciale evidenza il cristianesimo ha messo radici e ha prodotto attraverso i secoli opere di bellezza e frutti di bene, mostrando in concreto quanto il Dio fattosi uomo sia davvero amico dell’uomo". Il Papa ha proseguito sottolineando che "questo patrimonio di bontà e di bellezza è ora in certo senso affidato anche a voi, come pubblici amministratori, nel pieno rispetto della sana laicità delle vostre funzioni. E questo è un naturale terreno di collaborazione tra la Chiesa e la società civile che voi rappresentate". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy