SATANISMO: INTROVIGNE (CESNUR), "PERPLESSITÁ SUI NUCLEI ANTI-SETTE"

La decisione della Polizia di istituire dei nuclei "anti-sette", con la collaborazione della Chiesa, trova Massimo Introvigne, esperto di nuovi culti e direttore del Centro Studi sulle Nuove Religioni (Cesnur), "perplesso". “Se si tratta di intervenire sui gruppi del satanismo criminale – afferma Introvigne – soprattutto quelli giovanili ‘fai da te’ come le Bestie di Satana di Varese, la preoccupazione è più che giusta, così come la collaborazione con la Chiesa che su questi fenomeni di devianza giovanile, e non solo, talora ha più strumenti di prevenzione della polizia”. “Se invece – aggiunge – si volessero sorvegliare come ‘sette’ centinaia di nuovi movimenti religiosi che hanno il solo torto di proporre credenze bizzarre o stili di vita non convenzionali, si rischierebbe da una parte seri rischi per la libertà religiosa, dall’altra uno spreco di risorse”. Un esperimento simile, ricorda l’esperto, "è già stato tentato in Francia e oggi il bilancio è fallimentare come dichiara il ministro Sarkozy”, con il quale Introvigne è d’accordo quando afferma che "sarebbe più utile la sorveglianza delle moschee ultrafondamentaliste dove anziché qualche caso di truffa o evasione fiscale, si scoprono sistematicamente armi, bombe e contatti con il terrorismo". Secondo il Cesnur in Italia sarebbero attive oltre 600 sigle religiose.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio