PORTO ALEGRE: UN APPELLO DELLE CARITAS DI AMERICA LATINA E CARAIBI PER UN MONDO NUOVO E SOLIDALE

Da Porto Alegre giunge anche un appello delle Caritas di America Latina e Caraibi, in particolare dalle donne cristiane, riunite ieri nel secondo Incontro Latino-americano e dei Caraibi delle donne, che sognano anche loro “un mondo nuovo” e solidale: “Un mondo dove la solidarietà sia la norma, e la fraternità tra Paesi diversi sia l’obiettivo principale – si legge in un documento stilato a Porto Alegre il 30 gennaio, intitolato “La solidarietà rende possibile il nostro sogno di un mondo nuovo” -; dove non esista la mercificazione, neppure l’esaltazione di “feticci”, ma solo l’amore; dove il lavoro alienato abbia fine. Un mondo dove le donne non siamo discriminate; dove le relazioni di genere siano relazioni di uguaglianza e di amore, e non di odio né di mancanza di rispetto; dove la violenza sia ricordata come un passato lontano; un mondo dove i diversi popoli, nero, indigeno, straniero, abbiano un luogo degno assicurato; dove possiamo vivere socialmente in libertà, umanamente in uguaglianza e pienamente felici, tutti e tutte”. Da qui l’appello a “superare le nostre incoerenze individuali attraverso dei processi personali coerenti coi principi e gli ideali a cui aspiriamo per la società”; a “sradicare dalle nostre famiglie il maschilismo [machismo], i maltrattamenti e la violenza. Ed ad esigere nelle relazioni personali il riconoscimento dell’uguaglianza”; a “rinunciare all’accettazione passiva dell’ordine stabilito” e ad “annunciare con più forza che la globalizzazione neoliberale è contraria ai nostri sogni e che continueremo perseverando negli sforzi per eliminare la concentrazione del potere e dei beni nelle mani dei potenti”; ad “appoggiare con decisione i movimenti sociali e le organizzazioni popolari che hanno contribuito con le loro energie e i sacrifici ad andare legittimamente contro la corrente dell’abuso e dello sfruttamento”. A Porto Alegre anche la Caritas italiana e Caritas internationalis sono presenti con un delegato.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy