P.RASTRELLI: “LE SALE BINGO FAVORIRANNO L’USURA”

“Le sale Bingo andranno certamente a favorire l’usura”: a lanciare l’allarme da Napoli è padre Massimo Rastrelli, ideatore e animatore della Fondazione antiusura “Don Giuseppe Moscati”, preoccupato per la diffusione di “un nuovo vero e proprio gioco d’azzardo” a causa del quale “vengono spesso giocati e persi i pochi soldi destinati alla spesa quotidiana”. “Pensionati con un ridotto budget familiare”: sono soprattutto questi i frequentatori delle sale per i quali, denuncia il gesuita, a seguito di ripetute perdite “diventa quasi inevitabile ricorrere agli usurai per andare al mercato, pagare le bollette, le medicine e l’affitto di casa”. “Il Bingo è un gioco d’azzardo, e come tale va regolamentato; non inganni la pubblicità ed il carattere rassicurante che i promotori vogliono dare alle puntate” ribadisce padre Rastrelli, citando alcune richieste di aiuto pervenute a suoi collaboratori da parte di famiglie della provincia di Treviso, rovinatesi con il gioco e oggi vittime di usura, una “vera malattia” per la quale in dieci anni quattromila persone sono ricorse alla Fondazione Moscati. “Dobbiamo stare attenti – insiste il sacerdote – a prevenire tutto ciò che possa favorire un ulteriore dilagare del fenomeno”. Intanto, nei Paesi anglosassoni e latinoamericani dove il Bingo è diffuso da qualche decennio, sono attive numerose associazioni di volontariato di ispirazione cattolica per il recupero di migliaia di “schiavi del gioco d’azzardo che hanno distrutto la propria vita per inseguire la fortuna”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy