DAL 19 AL 25 AGOSTO IL MEETING DI RIMINI 2001

Una serie di mostre tra cui una su "Realismi. Arti figurative, letteratura e cinema in Italia dal 1943 al 1953", manifestazioni sportive, spettacoli teatrali, dibattiti su temi quali il G8, la bioetica, la scienza, la scuola, il lavoro, con personalità famose da tutto il mondo: questo prevede l’edizione 2001 del Meeting di Rimini, intitolata quest’anno "Tutta la vita chiede l’eternità", che si terrà dal 19 al 25 agosto. Il programma è stato presentato oggi a Roma, con una conferenza stampa nella quale sono stati illustrati gli obiettivi del prossimo Meeting. "Tutta la vita chiede l’eternità: questa frase è inserita nel codice genetico di Comunione e liberazione – ha spiegato Giorgio Vittadini, della Compagnia delle Opere –:, racchiude lo scopo e l’esperienza del movimento. L’eternità è un’esigenza fondamentale della vita dell’uomo: il problema del suo rapporto con l’eternità, cioè con un Ente, poiché l’eternità non è qualcosa di astratto, che oltre il tempo, ma nel tempo, assicuri continuità al vivere". Il Meeting di Rimini, che ha luogo dal 1980, conta ogni anno oltre 600mila presenze e numerosi ospiti "che appartengono a orizzonti culturali diversi", precisano i responsabili. La mostra sul realismo in Italia, evento culturale su cui il Meeting punta molto, sarà aperta dal 19 agosto al 6 gennaio 2002. Saranno esposte una ottantina di opere di artisti come Guttuso, Manzù, Morlotti, Vespignani, Leoncillo, Levi, Pizzinato e saranno ricordate le figure di scrittori e registi come Pavese, Vittorini, Levi, Pratolini, Pasolini, Rossellini, De Sica, Visconti.” “” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy