G8: I GRUPPI MISSIONARI E "IL GRIDO DEI POVERI"

I gruppi missionari di più di 250 congregazioni hanno annunciato oggi l’iniziativa di digiuno e preghiera per chiedere l’annullamento del debito al G8 di Genova. II gruppi si ritroveranno per questo incontro spirituale il 20 e il 21 luglio presso la chiesa di Boccadasse alla periferia di Genova. I rappresentanti dei popoli dell’Asia ,dell’Africa e delle Americhe, convocheranno il digiuno e la preghiera attraverso suoni e strumenti tradizionali. Aderiscono a questa iniziativa numerosissimi missionari provenienti da ogni parte del mondo. "La nostra preghiera ha detto suor Patrizia Pasini dei missionari della Consolata – è il grido dei poveri dei sotterranei del mondo , dove la gente muore di fame e di abbandono. E’ il grido dei poveri che va a Dio per chiedere conversione e giustizia. Noi missionari sappiamo che nei Paesi poveri i Governi, costretti a pagare, non solo il debito ma gli interessi sul debito non possono investire in sanità ed istruzione. Una persona malata in Tanzania o in Kenia è condannata alla miseria e allo sfruttamento. Per questo riteniamo che la cancellazione del debito sia il primo importante passo per vincere la povertà."” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy