POLICLINICO GEMELLI: INIZIATIVA PER UN OSPEDALE A MISURA DI BAMBINO

Assistenza “coccolata” per i neonati pretermine, terapia antidolorifica autocontrollata per i bambini più grandi, addestramento giocoso alle tecniche anestesiologiche e anestesia “magica” per i piccoli in attesa di operazione, con maschere, bolle di sapone, canzoncine e storielle raccontate da “fate” infermiere. Sono alcuni degli interventi messi in atto nei reparti della Clinica pediatrica del Policlinico Gemelli, presentati oggi, in occasione della giornata di studi e animazione “L’ospedale per i bambini”, promossa dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. ” “”L’esperienza ospedaliera è già difficile per gli adulti, figuriamoci per i bambini. Per questo bisogna offrire loro un approccio dolce alla cura, che elimini il dolore o lo riduca al minimo e, allo stesso tempo, cercare di rendere la degenza il meno traumatizzante possibile – spiega Pierpaolo Mastroicavo, ordinario di pediatria alla Cattolica -. Ridurre lo stress connesso all’ospedalizzazione consente una più rapida guarigione e un più rapido ritorno alla vita normale”. ” “A questo proposito, fondamentale risulta l’integrazione tra ospedale e territorio. Al Gemelli, ad esempio, c’è la scuola, che permette ai piccoli pazienti di stare al passo con i propri compagni all’esterno. Naturalmente, l’attività didattica viene adattata alle esigenze di salute: largo spazio è dato al linguaggio corporeo, attraverso l’insegnamento di tecniche di rilassamento rispetto al dolore. ” “”In futuro – conclude Mastroicavo – ci piacerebbe realizzare delle iniziative anche per i bimbi sani, così da trasmettere loro un’immagine positiva dell’ospedale”.” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy