CARD. BIFFI AI DIACONI: “NON CEDETE ALLE LOGICHE DI POTERE DEL MONDO”

Un invito ai diaconi a non sottostare alle logiche di potere del “mondo” è stato espresso ieri sera, nella cattedrale di San Pietro, dal cardinale Giacomo Biffi, arcivescovo di Bologna, durante l’ordinazione di sei diaconi permanenti: “Il mondo farà fatica a capirvi – ha detto loro il cardinale Biffi -, dal momento che, persino con quelle tra le sue iniziative che sembrano più altruistiche e disinteressate, esso insegue quasi sempre il potere, il tornaconto, il prestigio. Perciò non vi riuscirà facile intendervi con i vari dominatori della scena sociale, perché voi siete e dovete sempre mantenervi diversi”. Il diaconi, infatti, ha spiegato, “agisce costantemente in connessione non solo col vescovo, che resta suo riferimento primario, ma anche col presbitero con cui collabora, e segnatamente col parroco del territorio sul quale egli svolge la sua attività”: “Appunto perché vi colloca in posizione di servizio e di subordinazione, la prerogativa di cui venite oggi insigniti non costituirà oggetto di molto apprezzamento e di molta invidia da parte di chi non si lascia ispirare dalla fede nei suoi giudizi”. Per questo il cardinale Biffi invita i diacono a “non farsi illusioni”: “il ‘mondo’ – che verbalmente esalta la pace, la solidarietà, l’universale accoglienza – nei comportamenti effettivi dà spudoratamente spazio e favore alla violenza nelle molteplici forme in cui essa si manifesta ai nostri giorni”. Per questo ha suggerito loro di essere – citando il brano evangelico – come “pecore in mezzo ai lupi” ossia “prudenti come serpenti e semplici come le colombe”. E, soprattutto, li ha esortati a non cedere “alla tentazione di assimilarvi alla logica antievangelica di chi è indotto a rispondere per le rime a chi ingiustamente ci attacca e ci calunnia”. In Italia, all’inizio del ’99, i diaconi permanenti erano 1966. Nel mondo 25.345.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy