CITTÀ DEL VATICANO: LA NUOVA LEGGE FONDAMENTALE

E’ stata pubblicata oggi la nuova legge fondamentale dello Stato città del Vaticano, in sostituzione della precedente, la prima, emanata nel 1929 da Papa Pio XI. La nuova legge – si legge nell’introduzione – nasce dalla “necessità di dare forma sistematica ed organica ai mutamenti introdotti in fasi successive nell’ordinamento giuridico dello Stato della Città del Vaticano”. Il testo è stato approntato da una Commissione giuridica istituita ‘ad hoc’ dal Papa, sotto la presidenza del card. Rosalio Castillo Lara, presidente emerito della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano. Promulgata dal Papa il 26 novembre 2000, la legge fondamentale entrerà in vigore il 22 febbraio 2001, festa della Cattedra di San Pietro.” “La legge riconosce al Papa, “Sovrano dello Stato della Città del Vaticano”, la “pienezza dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziario” (art.1). Il potere legislativo è affidato stabilmente, in forma delegata e collegiale, ad una Commissione di cardinali, nominati per un quinquennio dal Papa e presieduta da un cardinale presidente (artt.3-4). Il potere esecutivo viene delegato al presidente della commissione (art.5) che però è tenuto a sottoporre le questioni di maggiore importanza alla commissione. E’ coadiuvato da un segretario generale e da un vice segretario generale. Il potere giudiziario è demandato, in forma vicaria, ai tribunali civili dello Stato della Città del Vaticano (artt.15-19). La nuova legge fondamentale abolisce l’ufficio del Governatore a cui era delegato il potere esecutivo e, con molte riserve poste dalla legge del 1929, anche il potere legislativo.” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy