CATTOLICI-LUTERANI: NIENTE PIÙ DIVISIONI SULLA DOTTRINA DELLA GIUSTIFICAZIONE(2)

“Una gran parte dei teologi tedeschi – ha spiegato il pastore luterano Hans Michael Uhl – è del parere che la giustificazione non sia più l’argomento che separa realmente le due Chiese e si chiede perché fare un documento sulla giustificazione se ci sono da affrontare altri argomenti più importanti e più delicati per il dialogo ecumenico tra cattolici e luterani, come il ruolo del Papa e del ministero. Credo però – afferma il pastore – che se si è arrivati a fare una dichiarazione congiunta sulla giustificazione che è stata una delle cause determinanti della Riforma, possiamo andare avanti anche in altri campi”. Il pastore Uhl ha poi definito il documento “un segno positivo, un segno di buona volontà, il segnale che il dialogo ecumenico, sia in campo protestante che in campo cattolico, è ancora vivo”. I luterani nel mondo sono 59.730.416: circa 37 milioni vivono in Europa. La Dichiarazione luterano-cattolica, intitolata “Chiesa e giustificazione. La comprensione della Chiesa alla luce della dottrina della giustificazione”, è stata elaborata da una commissione mista nominata dalla Federazione luterana mondiale e dal Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani. E’ frutto del dialogo teologico bilaterale iniziato nel 1972: con l’accordo cadono le reciproche condanne del XVI secolo, della “Confessione augustana” e del Concilio di Trento.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy