SETTIMANA DI SPIRITUALITÀ PER GENITORI CHE HANNO PERSO UN FIGLIO

Questa l’iniziativa della Fondazione “Camilla Bassanetti” di Parma, che ha organizzato, presso il Centro di spiritualità dei francescani conventuali “Maria Immacolata” di Salsomaggiore Terme (Parma) una settimana di spiritualità, dal 22 al 27 giugno sul tema: “La fede, canto di amore e di vita eterna”. L’iniziativa, spiega la presidente dell’associazione, Andreana Bassanetti, consiste in “un’analisi terapeutica dello spirito, per genitori e famiglie che hanno perso un figlio giovane in modo tragico”, proprio come la fondatrice dell’associazione, che, in seguito alla tragica morte della figlia ventunenne Camilla, è approdata ad una sofferta e drammatica conversione, sfociata nella decisione di “aiutare i genitori con figli morti tragicamente a ritrovare la fede e la speranza cristiana”. “A questi genitori – spiega Andreana Bassanetti – che spesso si abbandonano alla disperazione o a gruppi e mentalità che spesso portano allo squilibrio psicologico, noi cerchiamo di offrire la via della fede cristiana, analizzando il mistero personale che si specchia col mistero del Dio della Bibbia”. Tra i relatori della settimana di preghiera, padre Amedeo Cencini, psicologo e psicoterapeuta, che terrà una relazione su “i nostri figli in cielo, tra memoria e realtà”, e padre Giovanni Cavalcoli, docente di filosofia e teologia presso lo Studio teologico bolognese, che rifletterà sul tema “Sopravvivenza e vita eterna”. Sabato 27 giugno, l’iniziativa si concluderà con un pellegrinaggio al santuario “Maria delle Grazie” di Salsomaggiore, “recitando il rosario – spiega Bassanetti – con i misteri commentati dai genitori, che racconteranno le loro dolorose storie”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy