TERREMOTO: CARITAS, “GRAVI RITARDI” NELLA CONSEGNA DEGLI ALLOGGI

Le Caritas diocesane di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino e di Perugia-Città della Pieve, si legge in un comunicato stampa congiunto, “si sentono moralmente e civilmente impegnate nel segnalare, ancora una volta, ai mass media i gravi ritardi nella consegna dei moduli abitativi a circa 50 nuclei familiari di agricoltori aventi diritto”. La nota insiste sulle condizioni di disagio in cui si trova ancora una parte considerevole della popolazione locale, a cinque mesi dal terremoto: “Anziani, bambini e malati che ancora sono costretti a vivere sotto le tende o in roulottes, in condizioni igienico-sanitarie spesso precarie, non possono lasciarci indifferenti, soprattutto se si pensa che numerosi moduli, ubicati nelle aree attrezzate, risultano vuoti e completamente inutilizzati”. La denuncia delle Caritas diocesane non è nuova: esattamente un mese fa, si legge ancora nel comunicato, “le istituzione preposte, su sollecito delle Caritas diocesane, promisero a mezzo stampa la risoluzione dell’increscioso problema in due settimane. Al riguardo, fino ad oggi nessun atto significativo è stato registrato”. Visto che, invece, la protezione civile “dispone proprio in questi giorni di altri moduli abitativi commissionati nei mesi scorsi ad alcune ditte”, le Caritas chiedono alle istituzioni preposte “di attivarsi urgentemente affinché alcuni dei moduli vengano assegnati agli agricoltori”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy