SAT 2000: SI PARLA DI OBIEZIONE DI COSCIENZA

Nella rubrica “La pietra scartata”, in onda su Sat 2000 alle ore 18,45 di domani 28 marzo si parla di obiezione di coscienza. Lo scorso 24 marzo un folto gruppo di obiettori ha manifestato, davanti a Montecitorio, la propria insoddisfazione per una riforma di legge sull’obiezione di coscienza che tarda ad essere approvata. “Nel 1997 sono stati oltre 54 mila i giovani che hanno scelto l’obiezione di coscienza – dice il portavoce nazionale degli obiettori, Massimo Paolicelli – e sono un terzo dei giovani di leva”. Ma chi é l’obiettore di coscienza oggi? “E’ un giovane, – spiega Paolicelli – che, lasciate le connotazioni politiche antimilitariste degli anni 70, ha trovato motivazioni di tipo diverso, per cui ritiene più utile servire la patria in ambiti sociali e nel mondo del non-profit”. Ma a dispetto del crescente numero di richieste questa scelta viene spesso resa difficile da una burocrazia troppo lenta: “Ci vogliono 17 mesi di attesa per sapere se la richiesta di obiezione é stata accettata”, nota Paolicelli. Una situazione che potrebbe cambiare se venisse approvata la riforma della legge. Tra gli obiettivi della nuova legge in discussione in Parlamento: la smilitarizzazione dell’obiezione di coscienza la cui gestione passerebbe al dipartimento degli affari sociali, la possibilità, per gli obiettori, di partecipare a missioni umanitarie all’estero, e il riconoscimento che l’obiezione non è un beneficio accordato ma un diritto soggettivo.Per informazioni rivolgersi al: tel – 8548385

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy