VESCOVO IN VISITA ALLE SCUOLE PARLA CON GLI STUDENTI SU SÈTTE E MAGÌA

I giovani frequentano poco la chiesa e gli ambienti educativi delle parrocchie? E allora il vescovo li va ad incontrare personalmente, proponendo argomenti di sicuro interesse: la religiosità giovanile, le sètte, i movimenti pseudo-religiosi, la magìa. E’ quanto avverrà in diocesi di Sessa Aurunca (Caserta) dove il vescovo mons. Antonio Napoletano si appresta, per la seconda volta, a incontrare gli studenti delle scuole superiori dell’intera diocesi. In programma ci sono 11 incontri, uno per ogni istituto, durante i quali mons. Napoletano parlerà dello Spirito Santo ed affronterà con gli studenti i problemi emergenti del territorio. L’iniziativa, organizzata dall’ufficio catechistico diocesano in sintonia con i docenti di religione e con le autorità scolastiche, sostituisce il tradizionale “Precetto pasquale” che si usava tenere nelle scuole e che era incentrato sulla confessione, per favorire il soddisfacimento dell’obbligo morale di accedere a tale sacramento almeno una volta l’anno. “L’esperienza dello scorso anno – dice don Francesco Saverio Jodice, direttore dell’ufficio catechistico diocesano – è stata positiva e quindi quest’anno verrà ripetuta. I giovani si prepareranno all’incontro con il vescovo compilando un questionario in cui sono riportate domande sulle loro aspettative nei confronti della Chiesa e della società”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy