Age e Agesc su disegno di legge per la parità scolastica

In un comunicatostampa diffuso oggi, l’Associazione Italiana genitori (Age) definisce il disegno di legge delGoverno sulla parità scolastica, presentato oggi al Consiglio dei Ministri, “una coraggiosadecisione nella direzione di maggiore libertà per le famiglie, che saranno aiutate, almeno inparte, ad esercitare il diritto-dovere di scegliere la scuola, statale o non, a cui affidare i figli”. Sitratta, riporta ancora il comunicato, di “una soluzione di maggiore equità in quanto attenua ladiscriminazione in atto tra famiglie ricche, che sono in grado di scegliere, e famiglie povere chenon possono farlo per la mancanza di risorse necessarie, assicurando a tutte un trattamentoeconomico paritario”.L’Agesc (Associazione genitori scuole cattoliche) valuta “positivamente le linee di fondo delle’disposizioni per l’espansione, la diversificazione e l’integrazione dell’offerta formativa nelsistema pubblico formativo'” discusse dal Consiglio dei Ministri. Ed auspica che “il disegno dilegge che il Governo si appresta a varare possa aprire nel Paese ed in Parlamento un ampiodibattito che, oltre a disegnare nuovi e più adeguati percorsi formativi, dilati gli spazi di libertà edemocrazia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy