Bosnia: “L’accordo di Dayton viene apertamente boicottato”

E’ quantoaffermano i vescovi della Conferenza episcopale della Bosnia-Erzegovina, riunitisi nei giorniscorsi a Banja Luka. “Assistiamo – scrivono i vescovi in un appello diffuso al terminedell’incontro e indirizzato ai politici della Bosnia e alla comunità internazionale – al fataleboicottaggio degli accordi di Dayton e all’evidente mancanza di unanimità, che si faindecisione, del Gruppo di contatto nell’applicazione delle norme sottoscritte in merito ai dirittiumani e alle libertà fondamentali riconosciute dalla comunità internazionale”. I vescovi domandano aiuto ai politici per l’applicazione di queste disposizioni, in particolare diquelle che “riguardano il diritto e l’assoluta necessità di fare tornare i profughi e gli sfollati nelloloro case, rientrando così in possesso dei loro beni. In pratica – spiegano i vescovi – gliincaricati dell’applicazione degli accordi non dimostrano abbastanza impegno, disponibilità néconoscenza della problematica: manca qualsiasi volontà di collaborazione”. In particolare, ivescovi sottolineano la priorità del riconoscimento di uguali diritti a popoli e comunità religiose.Ai sacerdoti raccomandano di “rimanere accanto ai propri fedeli, per essere testimoni dellasperanza e della pace”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Informativa sulla Privacy