This content is available in English

L’Europa dei popoli e degli Stati: diversità, identità, destini comuni

Sia le nazioni sia l’Europa sono fenomeni culturali e politici, entrambi il risultato di cammini di integrazione e unificazione. Tuttavia, mentre i rispettivi processi nazionali sono stati completati in un arco di tempo molto lungo, dando agli Stati nazione la loro autoconsapevolezza e sicurezza all’interno di ordinamenti e confini definiti, lo status dell’Unione europea – e quindi la sua identità – rimane precario. Una riflessione legata alle dinamiche interne all'Ue, anche in relazione ai nazionalismi e ai particolarismi. Un paio di esempi? Brexit e Catalogna

Costitutivi dell’Unione europea in quanto suoi membri sono le nazioni, o più precisamente gli Stati nazionali. Ciò trova espressione costituzionale nella composizione del suo organo superiore, il Consiglio europeo, che riunisce i capi di Stato e di governo dei Paesi membri. Come parte del processo di democratizzazione dell’Unione, i cittadini degli Stati membri, che sono anche cittadini dell’Unione, reclamano un ruolo sempre maggiore nella fondazione e nello sviluppo dell’Unione. Ciò sta avvenendo attraverso il graduale aumento dei diritti e delle responsabilità del Parlamento europeo. Ecco perché possiamo giustamente parlare di un’Unione di Stati, che significa anche unione di cittadini. Questo dice qualcosa dell’identità dell’Unione europea. Perché organizzazione e strutturazione, così come le sue manifestazioni – politiche e risultati –, fanno parte delle forme in cui si manifesta l’identità.
Tuttavia, ciò non dice ancora molto dell’identità europea, cioè quella consapevolezza che rende l’Unione europea una comunità, l’origine della sua coesione e la base del consenso su cui poggia la possibilità dell’unità dell’Europa. Naturalmente, questa consapevolezza comprende anche tutto ciò che oggi costituisce l’identità dell’Europa nella forma dell’Unione.
Analogamente alla distinzione tra identità dell’Europa (o dell’Unione europea come sua concretizzazione politica attuale) e identità europea è anche necessario distinguere da un lato tra le identità degli Stati nazionali, che si esprimono nelle loro manifestazioni, regolamenti, iniziative, ecc. e d’altra parte, le identità nazionali che riguardano la consapevolezza delle persone di appartenere a una particolare nazione con la propria storia, cultura…
Tale analogia è giustificata. Sia le nazioni sia l’Europa sono fenomeni culturali e politici, entrambi il risultato di processi di integrazione e unificazione. Tuttavia, mentre i rispettivi processi nazionali sono stati sostanzialmente completati in un arco di tempo molto lungo, dando agli Stati nazione la loro autoconsapevolezza e sicurezza all’interno di ordinamenti e confini definiti, lo status dell’Unione europea – e quindi la sua identità – rimane precario. C’è incertezza sulla sua finalità. La sua costituzione è incompleta, così come rimane aperta la sua forma geografica.
L’Europa esisteva prima delle nazioni che sono nate dall’Europa, per così dire come dei figli. D’altra parte, gli Stati nazione esistevano prima dell’Unione europea, che è stata fondata di comune accordo. La coscienza europea include quindi anche le identità delle nazioni europee, che sono legate in molti modi all’identità dell’Europa, così che si può persino affermare:

l’identità europea fonda le identità nazionali e viceversa.

Diventiamo consapevoli di questo fatto quando ricordiamo i presupposti dello sviluppo storico, culturale, sociale e politico dell’Europa e dei suoi popoli e allo stesso tempo, i presupposti dell’identità europea e delle identità nazionali.
Fin dal primo Medioevo tutti i processi politici e culturali in Europa sono stati interrelati. All’inizio esisteva un complesso sistema di relazioni tra tribù e popoli, dinastie e proprietà, stati e imperi, gruppi etnici e nazioni, sistema che attraverso un processo di costante cambiamento si è affinato e approfondito. Così come si fa riferimento alle nazioni come comunità di destini, lo stesso si può dire dell’Europa intera: la storia condivisa nel corso di diversi secoli ha permesso la nascita di una comunità di destini differenziati, seppure legati nella loro diversità e interconnessi. La prossimità geografica e la comunanza di esperienze individuali e collettive hanno creato una relazione speciale tra i popoli dell’Europa, vissuta consapevolmente o inconsapevolmente e che è servita per fondare un’identità.
L’esperienza storica comune è stata rafforzata da una notevole unità culturale, di cui, paradossalmente, la diversità è sempre stata costitutiva. Questa diversità ha una radice comune, cioè la sintesi della cultura mediterranea greco-romana, che ha portato l’intera esperienza del mondo antico come elemento conservatore e stabilizzatore, e la cultura continentale germanico-slava, che ha rappresentato l’elemento dinamico, giovane e orientato al futuro. Come catalizzatore di questa sintesi, ha svolto un ruolo decisivo il cristianesimo. Il mondo europeo che ne è risultato è sempre stato consapevole della sua unità. A motivo anche della sua unità culturale, in cui tutte le differenziazioni sono aspetti o manifestazioni individuali di somiglianze, l’Europa si è sviluppata anche in uno spazio unico in termini sociali ed economici.L’uniformità dello sviluppo sociale nelle regioni europee ha anche determinato una simultaneità nelle crisi e congiunture sociali e, di conseguenza, l’emergere di gruppi nella società o classi sociali con possibilità di identificazione transnazionale. Ciò ha permesso l’integrazione a partire dallo sviluppo posto nella storia e sostenuto dalla cultura comune. Una rottura radicale in questo movimento d’integrazione sociale si è verificata dopo la seconda guerra mondiale con la divisione dell’Europa in due sistemi economici e sociali fondamentalmente diversi.
La storia dopo il secondo conflitto mondiale ha dimostrato che, nonostante la tremenda devastazione morale e la distruzione materiale che essa ha portato con sé, la forza spirituale e culturale del vecchio continente non era ancora esaurita. Guardando in modo critico la loro storia, ma allo stesso tempo aprendosi agli impulsi dei nuovi mondi di America, Asia e Africa e affrontando la sfida del comunismo, gli europei hanno sviluppato una nuova fiducia in se stessi. L’identità europea che è quindi maturata, è caratterizzata da una forte volontà costruttiva, che ora, dopo che i popoli dell’Europa centrale e orientale si sono riuniti con i popoli dell’Europa occidentale in un atto di auto-liberazione, si confronta con nuove sfide.

Altri articoli in Europa

Europa

Informativa sulla Privacy