Protagonisti nella Chiesa

TESTIMONI DIGITALI

"La Chiesa ha il compito di evangelizzare, e dunque anche l’ampio mondo dei media digitali va guardato con simpatia e stima da parte della Chiesa e dei suoi operatori". Lo ha detto il card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei, salutando i giornalisti, prima di entrare in sala e tenere la sua relazione (il testo integrale dell’intervento è su agensir.it – documenti), che ha concluso la seconda giornata di lavori del convegno Cei "Testimoni digitali". Un evento che ha raccolto a Roma dal 22 al24 aprile 1.300 operatori della comunicazione per fare "il punto" sul rapporto tra Chiesa e media – con particolare riguardo alla nuova frontiera di Internet – ad otto anni dall’analogo incontro "Parabole mediatiche".

Un lavoro coraggioso. "L’impegno della comprensione e della progettazione della presenza della Chiesa nel mondo dei media digitali – al centro delle riflessioni di queste nostre giornate – è, come dice il Papa, ‘un ambito pastorale vasto e delicato’, richiede cioè di soffermarsi anzitutto sull’azione della Chiesa nell’attuale contesto per individuare forme attestabili di fedeltà al Vangelo". Si è aperta con questa considerazione la relazione del card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei che ricordando quanto ha affermato il Papa, ha detto che l’opera di evangelizzazione "non è mai un semplice adattarsi alle culture, ma è sempre anche una purificazione, un taglio coraggioso". Due, per il presidente della Cei, "gli ordini dei problemi che gli scenari definiti dai media digitali presentano all’intelligenza credente e alla responsabilità progettuale della nostra Chiesa". Il primo è la "prospettiva missionaria dell’animazione culturale", cioè "la questione di come la fede cristiana possa innervare le realtà che si vanno definendo, sia dal punto di vista della costruzione delle simboliche culturali personali che dal punto di vista delle strutture sociali". La seconda, la "riflessione per comprendere le strade attraverso le quali rispondere alla domanda di come si possa esprimere il Vangelo nella contemporaneità".

Dare un’anima. Si tratta secondo il cardinale, di "dare un’anima non solo al proprio impegno pastorale ma anche all’ininterrotto flusso comunicativo della Rete". E a proposito del rapporto tra Chiesa e rete ha puntualizzato: "Andare oltre, partire da sé per dirigersi verso l’altro, significa uscire dalla mera logica dell’accesso per entrare nella dinamica del dialogo, categoria che non esaurisce la propria pregnanza semantica nel rapporto fra un io e un tu, ma esprime qualcosa che trascende entrambi gli interlocutori". "Alla smaterializzazione dei luoghi – ha detto il presidente della Cei agli animatori della comunicazione e della cultura – siete chiamati a far corrispondere l’intreccio stabile delle relazioni dense, a dare al mondo digitale un’anima cristiana". La "sfida", per la comunità cristiana, è in particolare "riuscire a usare i social media come prefigurazione di uno stile di maggiore condivisione"

Con intelligenza e fiducia. "Integrare in modo corretto ed efficace la missione educativa – che si avvale delle dinamiche tradizionali insostituibili – con le più recenti tecnologie mediatiche". E’ questo, per il card. Bagnasco, "un compito da affrontare con intelligenza e fiducia, senza assolutismi ingenui e acritici o demonizzazioni apocalittiche". "Perché tale processo educativo possa compiersi – ha ammonito – è necessario che coloro che operano in ambito educativo sappiano anzitutto essere loro stessi familiari dei media digitali, sperimentino cioè cosa significhi navigare, essere on line, abbandonando le retoriche unilaterali e ricorrenti". Il cardinale non ha mancato, tuttavia, di mettere in guardia da alcuni pericoli della Rete che , "pur essendo un’occasione per ritessere la dinamica relazionale", fa sì che si rimanga "facilmente estranei nella chiacchiera di superficie e nella curiosità senza interesse". Il "consenso della maggioranza" diventa a volte "l’ultima parola alla quale dobbiamo obbedire" ed "avvia nella Rete il processo della spirale del silenzio per cui alcuni temi – come l’impegno personale e della Chiesa per la vita, la famiglia, la libertà educativa, la giustizia sociale, la solidarietà – sono destinati spesso all’oblio". Al contrario, per Bagnasco è urgente recuperare "un giudizio chiaro ed inequivocabile sul primato assoluto" di Dio, unico garante della "dignità di ogni uomo".

Dinamismo missionario. Quella di una "evangelizzazione mediatica" è un’idea "illusoria quanto errata". "La Rete – aggiunge il cardinale – è, come ogni altro ambito di relazione, un luogo di evangelizzazione per annunciare Cristo e per annunciare l’uomo". "Come ricordava il Concilio Vaticano II, incontrare Cristo, l’uomo perfetto, e accoglierlo nella propria vita, introduce nella umanità vera e piena a cui tutti sono chiamati". In questo "dinamismo missionario", gli animatori della comunicazione e della cultura sono "protagonisti nella Chiesa", chiamati "ad essere sale di sapienza e lievito di crescita". In concreto, ciò significa "non essere conformisti e non cercare inutili quanto sterili forme di consenso consolatorio", ma anche "soggetti attivi, terminali di connessioni, attivatori di partecipazione gratuita e responsabile", perché "la Rete non è fatta di confini, ma di ponti". Come il cuore di Dio.

Altri articoli in Dossier

Dossier