Religiosi in Europa, Germania, Portogallo

Religiosi in Europa: assemblea Ucesm in Albania
“Religiosi e religiose in Europa: testimoni e artigiani di comunione”: è il tema della XVI assemblea dell’Unione delle Conferenze europee dei e delle superiori/e maggiori (Ucesm), organismo europeo che raggruppa gli oltre 300mila religiosi e religiose in Europa. I lavori si sono aperti il 23 marzo a Tirana (Albania), e fino al 28 marzo i circa 70 delegati delle 38 conferenze nazionali dei religiosi discutono di ecumenismo e di dialogo interreligioso, alla luce della realtà albanese. I lavori sono stati introdotti e facilitati dal gesuita padre Marko Ivan Rupnik. “Dopo la decisione penosa di annullare l’assemblea, che doveva tenersi a Kiev (Ucraina) nel febbraio 2015”, si legge nel comunicato che ha annunciato l’incontro, “il Comitato esecutivo ringrazia la Conferenza dell’Albania per la sua disponibilità e collaborazione affinché quest’assemblea possa tenersi a Tirana”. Il tema però resta quello che era stato scelto per Kiev, poiché è “più che mai valido e s’impone alla nostra riflessione per le situazioni politiche, sociali e religiose che vive l’Europa oggi”. Si discute inoltre di cooperazione con le altre istanze ecclesiali, quali le conferenze episcopali, di rapporti tra le generazioni all’interno degli ordini e della loro internazionalizzazione. I partecipanti incontreranno anche rappresentanti dell’islam in Albania e il primo ministro Edi Rama. Un messaggio sarà diffuso al termine dell’assemblea.

Germania: colletta per i cristiani di Terra Santa
Per la Domenica delle Palme, 29 marzo, i vescovi tedeschi chiedono ai cattolici di realizzare una grande colletta per i cristiani di Terra Santa. Il ricavato della raccolta sarà gestito dall’Associazione tedesca di Terra Santa e dal Commissariato dei francescani. La colletta aiuterà le comunità cristiane della regione medio orientale e sosterrà le istituzioni religiose di Terra Santa nel loro servizio pastorale e caritatevole. I vescovi, nella loro chiamata alla carità, fanno riferimento concreto alle tristi condizioni di vita nei Paesi del Medio Oriente. La guerra civile in Siria e la situazione in Iraq hanno costretto – affermano – molte persone a fuggire dalle loro case. La disperazione e la paura del futuro sono all’ordine del giorno e i cristiani in Terra Santa stanno affrontando problemi molto seri come una minoranza troppo spesso presa in mezzo a conflitti a loro estranei. I vescovi tedeschi citano nell’appello Papa Francesco, che ha scritto ai cristiani in Medio Oriente, nel dicembre dello scorso anno: “Tutta la Chiesa è vicina a voi e vi sostiene con grande amore e apprezzamento per le vostre comunità e la vostra missione”. I vescovi chiedono una donazione generosa che aiuti “i cristiani nel Paese di origine della nostra fede perché rimangano nelle loro case”. Informazioni su www.heilig-land-verein.de.

Portogallo: pastorale giovanile verso la Gmg 2016
In preparazione della Giornata mondiale della gioventù 2016, lo scorso fine settimana, si è riunito a Fatima il Consiglio della pastorale giovanile portoghese. Presentando l’incontro, il direttore del Dipartimento nazionale (Dnpj) ha ricordato che il tema, “Beati i puri […] Campus Misericordiae, verso Cracovia 2016”, illustra in modo diretto il Paese ospitante della prossima Gmg che, dopo quella del Brasile 2013, tornerà a svolgersi sul continente europeo. “Dobbiamo cominciare a metterci in cammino per la Polonia, un Paese conosciuto come ‘nuovo tempio’ della misericordia di Dio. A prima vista, mettere in relazione determinati spazi con la presenza di Dio potrà sembrare inopportuno, tuttavia, esistono tempi e luoghi che sono scelti dalla Provvidenza, affinché attraverso di essi gli uomini possano riconoscere in modo speciale la sua presenza e la sua grazia”, ha affermato padre Edoardo Novo. Il programma dell’iniziativa, che ha coinvolto tutti i movimenti giovanili cattolici e i tutti i segretariati diocesani, ha previsto anche la messa a punto della prossima manifestazione “Fatima Giovani 2015”, che si svolgerà nei giorni 2 e 3 di maggio attorno al tema: “Felici come Maria, piena di grazia”. “Stiamo preparando gli ultimi dettagli di questo grande ritrovo che riunirà gli adolescenti e i giovani di tutti i punti geografici del Portogallo. L’incontro personale, la preghiera, la formazione e l’allegria contagiante che deriva dai colloqui, come dagli spettacoli cinematografici, musicali e teatrali, ne sono da sempre i punti caratterizzanti”, ha concluso padre Novo. Tra gli appuntamenti capaci di dinamizzare i giovani cattolici portoghesi, l’agenda del Dnpj prevede anche la partecipazione agli Incontri europei di Ávila (Spagna) e Taizé (Francia), e alle IV Giornate nazionali della Pastorale giovanile, previste per i giorni 20 e 21 settembre 2015, nel Seminario del Verbo divino di Fatima.

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy