Comece, Slovacchia, Repubblica Ceca, Bielorussia

Comece: su “Europeinfos” temi di respiro europeo
Persecuzione dei cristiani e cambiamenti climatici sono i temi principali del numero di marzo di Europeinfos, notiziario della Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece), dal 2 marzo on line sul sito www.comece.org. Oltre all’editoriale, al tema del martirio dei cristiani e delle minoranze religiose è dedicata un’intervista a mons. Silvano Tomasi, Osservatore permanente della Santa Sede presso l’Onu a Ginevra: “L’Ue non dovrebbe essere timida nell’affrontare la questione della persecuzione dei cristiani”, afferma l’arcivescovo. “C’è un obbligo umanitario, in solidarietà a questi gruppi perseguitati, a dare cibo, riparo e istruzione, passi concreti che l’Ue può e deve continuare a dare”. Molto critico il contributo di Michael Kuhn riguardo la decisione poco comprensibile assunta a gennaio dalla Commissione europea di ritirare “il pacchetto sull’economia circolare”, proposte legislative ambiziose e calibrate in materia di riciclo dei rifiuti destinate alla discussione in Parlamento. Dubita Kuhn: “Che non sia la conseguenza di forti pressioni esercitate da Eurobusiness?”, rete europea d’imprenditori.

Slovacchia: nuovi libri per l’istruzione religiosa
Nuovi libri di scuola per l’istruzione religiosa degli studenti delle scuole primarie e secondarie in Slovacchia dovrebbero essere disponibili per il prossimo anno scolastico a partire dal 1° settembre 2015. Finora, nessun materiale didattico unificato per l’istruzione religiosa era stato pubblicato a livello nazionale: ecco perché la Commissione per la Catechesi e l’educazione della Conferenza episcopale della Slovacchia ha deciso di mettere insieme i testi scolastici ufficiali per gli alunni e gli studenti delle diverse fasce d’età. Secondo Marek Cimbal, del Centro pedagogico e catechistico, la qualità di questi libri scolastici di religione costituisce una priorità: “Questi libri ci dovrebbero permettere di sviluppare il sistema di catechesi nelle scuole, che è molto importante nella nostra società, e speriamo che possano risultare utili anche per la catechesi in parrocchia, in modo da poter fornire la migliore formazione nel campo della religione cattolica e della sua conoscenza. Riteniamo che si tratti di un progetto fondamentale nell’area della nuova evangelizzazione”. Due tipi di libri di religione verranno pubblicati nei prossimi mesi: uno per i cattolici di rito latino e uno per i greco-cattolici. “Attualmente è in corso un negoziato con il ministero della Pubblica istruzione per trovare il modo migliore di distribuire questi nuovi materiali a tutte le scuole primarie e secondarie in Slovacchia”, afferma mons. Bernard Bober, arcivescovo di Kosice e presidente della Commissione per la catechesi.

Repubblica Ceca: nuovo sito web di Zelena Hora
È stato lanciato un nuovo sito web della chiesa di San Giovanni Nepomuceno nel famoso luogo di pellegrinaggio Zelena Hora (Montagna verde) a Zdar nad Sazavou, per stimolare l’interesse dei pellegrini e dei turisti. L’iniziativa è stata ispirata dal trasferimento, avvenuto l’anno scorso, della proprietà del santuario dall’Istituto nazionale dei monumenti della Chiesa cattolica alla parrocchia di Zdar nad Sazavou, per esigenze amministrative. Il sito www.zelena-hora.cz offre informazioni complete sulle attività e gli eventi che si svolgono a Zelena hora, oltre a una presentazione storica, a informazioni pratiche sui pellegrinaggi e a una ricca collezione di foto e video. C’è anche la possibilità di prenotare una visita guidata tramite un modulo di registrazione on-line. I rappresentanti della parrocchia locale sperano che l’interesse dei pellegrini e dei turisti cresca grazie alle attività programmate per i prossimi mesi, tra cui spicca la Notte di Nicodemo, il 16 marzo, in cui si propone di riflettere in silenzio sul proprio rapporto con Gesù Cristo nei locali dell’antico santuario. Per ulteriori informazioni www.nikodemovanoc.cz.

Bielorussia: Accademia di teologia a Minsk
La nuova Accademia di Studi superiori di teologia San Giovanni Paolo II è stata ufficialmente registrata dalle autorità statali di Minsk, su richiesta della Conferenza episcopale della Bielorussia. Lo scopo della prima istituzione educativa cattolica di questo tipo nel Paese sarà di fornire istruzione e formazione al clero e ai laici, affinché siano in grado di svolgere varie attività all’interno della Chiesa con un’adeguata preparazione professionale. L’accademia avrà sede a Minsk. Nelle prossime settimane l’episcopato dovrà affrontare compiti concreti come offrire un edificio ed elaborare un processo educativo. Secondo mons. Tadeusz Kondrusiewicz, arcivescovo di Minsk-Mogilev, la registrazione dell’Accademia e l’intero progetto “contribuiranno senza dubbio allo sviluppo della cultura bielorussa e della sua dimensione spirituale”.

Altri articoli in Archivio

Archivio

Informativa sulla Privacy